Fondo di garanzia PMI

//Fondo di garanzia PMI

Fondo di garanzia PMI

Fondo di Garanzia per
piccole e medie imprese

Fondo di garanzia PMI

La difficoltà di accedere al credito e ai finanziamenti bancari è sempre stato un problema per molte aziende italiane. Il sistema bancario italiano ha sempre richiesto loro di fornire delle garanzie reali prima di concedere qualsiasi affidamento, e la poca o scarsa capitalizzazione di molte imprese ha fatto sì che fosse spesso preclusa loro la possibilità di ottenere dei finanziamenti.

Per arginare questa difficoltà di accesso ai finanziamenti da parte delle piccole e medie imprese, lo Stato ha creato uno strumento finanziario molto efficace: il fondo di garanzia PMI. Negli ultimi anni, sono più di 700mila le imprese italiane che hanno potuto ottenere le risorse finanziarie per poter eseguire le operazioni più diverse, dal leasing all’acquisto di quote societarie, dall’investimento in macchinari al rimodernamento degli impianti produttivi.

Come funziona il fondo di garanzia PMI

Il funzionamento del fondo di garanzia PMI è molto semplice: si pone come strumento di garanzia per la banca, che potrà attingere al fondo in caso di insolvibilità dell’azienda a cui è stato concesso il prestito.

Altrettanto semplice è ottenere la copertura del fondo di garanzia da parte delle imprese: basta farne richiesta direttamente al fondo, con l’aiuto della banca che provvede alla compilazione della domanda, oppure ci si può rivolgere a un Confidi, un consorzio italiano di garanzia collettiva dei fidi, che può controgarantire il finanziamento e assicurare un iter più rapido e sicuro.

La copertura del fondo di garanzia PMI

Il fondo di garanzia PMI può coprire una quota variabile tra il 60% e l’80% del finanziamento, a seconda dei casi, e comunque non oltre un importo massimo di 1,5 milioni di euro. Nel caso in cui l’impresa sia insolvente, la banca che ha concesso il finanziamento potrà ottenere il rimborso da parte del fondo.

Quali sono le imprese che possono ricorrere al fondo di garanzia PMI

Con il nuovo sistema di garanzia in vigore dal 2018, l’accesso al fondo è possibile per il 92% delle piccole e medie imprese italiane, escluse cioè solo quelle che rientrano nella classe di rating di “rischiosità”, pari appunto all’8% delle PMI.

I nuovi criteri di selezione e di rating premiano in particolare le imprese che investono, le startup e le società innovative, per le quali è prevista la copertura fino all’80% del finanziamento.

L’accesso al fondo di garanzia PMI è quindi più facile per le aziende che scommettono sugli investimenti di medio e lungo periodo, e i criteri di rating non si basano più sui soli dati di bilancio e finanziari, che comunque hanno ancora un certo peso, ma anche sulle caratteristiche del business di ogni azienda, e sulle sue possibilità di crescita.

Altri Articoli

Scopri i servizi di Confidi Trentino Imprese
per il rilascio di garanzie alle PMI

SCOPRI LE GARANZIE

Inizia a far crescere la tua impresa

Scrivi ora e incontriamoci per un caffè. Ti racconteremo le storie
delle imprese che hanno scelto di crescere e affidarsi ai nostri servizi.

Inserisci il seguente testo nella casella sottostante:captcha


2018-09-18T06:58:13+00:00