Home/News/Deliberato l’aumento del Plafond Ripresa Trentino

Deliberato l’aumento del Plafond Ripresa Trentino

Con la Delibera della Giunta Provinciale n. 523/2020 è stata approvata l’integrazione del Protocollo d’intesa tra Provincia, Cassa del Trentino S.p.A, Banche, Confidi ed altri intermediari finanziari al fine di ampliare le misure a favore degli operatori economici e promuovere un intervento sempre più efficace per il contenimento degli effetti negativi causati dall’emergenza sanitaria COVID-19 e la promozione della ripresa economica in Trentino.

Il Protocollo integrato, entrato in vigore a decorrere dal 04 maggio 2020, prevede ora un nuovo intervento denominato Plafond Ripresa Trentino Banche 3 destinato all’erogazione di Finanziamenti bancari con importo minimo pari a Euro 300.000 e fino a un massimo di Euro 1.250.000; il tasso di interesse massimo per i primi 24 mesi è stato fissato a 0,90% annuo, di cui 0,40% annuo a carico della Provincia. Anche per questi finanziamenti, Confidi Trentino Imprese, completata positivamente l’istruttoria, concederà la propria Garanzia in misura pari all’80% o al 90% dell’importo finanziato dalle Banche con commissioni pari a zero.

Di seguito, si evidenziano le principali caratteristiche di tutte le linee di Finanziamento previste nel Protocollo.

PLAFOND RIPRESA TRENTINO: LINEE DI FINANZIAMENTO ATTIVABILI

Operatore Economico

Finanziatore

Linea di Finanziamento

Importo max. del Finanziamento

Durata Minima

Durata Massima

Tasso fisso massimo (primi 24 mesi)

Contributo massimo Provincia (per 24 mesi)

Con garanzia Confidi Banche Plafond BANCHE 1 fino a € 300.000 (*) 24 mesi 6 anni 0,40% 0,40%
Senza garanzia Banche Plafond BANCHE 2 fino a € 25.000 24 mesi 6 anni 0,60% 0,60%
Con garanzia Fondo Centrale Banche Plafond BANCHE 2Bis fino a € 25.000 24 mesi 6 anni 0,60% 0,60%
Con garanzia Confidi Banche Plafond BANCHE 3 € 300.000 – € 1.250.000 24 mesi 6 anni 0,90% 0,40%
Imprese più strutturate FSTAA Finanziamento FSTAA € 600.000 – € 1.500.000 24 mesi 4 anni 0,90% 0,40%

(*) incrementabile fino al 50% in caso di esigenza di liquidità aggiuntiva per anticipare le risorse della Cassa integrazione ai sensi dell’art. 19, D.L. 17 marzo 2020, n. 18.

 

Plafond Ripresa Trentino BANCHE 1

  1. importo massimo erogabile dalla Banca pari ad Euro 300.000 e, comunque, non superiore al 50% del Fatturato dell’esercizio 2019 così come risultante dal Bilancio regolarmente approvato[1]. L’importo viene incrementato fino al 50% qualora l’Operatore economico manifesti l’esigenza di liquidità aggiuntiva per anticipare, alla fine di ogni periodo di paga ai dipendenti aventi diritto, i trattamenti previsti dall’art. 19 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18;
  2. durata Finanziamento 24 mesi; l’importo mutuato sarà rimborsato, in unica soluzione, alla scadenza del ventiquattresimo mese, fatta salva l’eventuale opzione di allungamento per una durata massima complessiva di 72 mesi ad un tasso annuo variabile non superiore ad Euribor 3 mesi maggiorato di uno spread massimo di 200 bps (il tasso finito non può essere comunque inferiore a zero);
  3. non sono previsti oneri di istruttoria/costi, ad esclusione degli oneri fiscali/tributari;
  4. erogazione unica per l’intero importo concesso;
  5. tasso fisso annuo omnicomprensivo massimo dello 0,40%; gli interessi saranno corrisposti dalla Provincia, in via posticipata, entro il termine del 12^ e del 24^ mese dall’erogazione;
  6. nessuna commissione richiesta per la Garanzia Confidi a carico dei Beneficiari.

[1] Qualora non risulti approvato il Bilancio 2019, si fa riferimento al Fatturato dell’esercizio 2018. Qualora l’operatore economico non sia tenuto all’approvazione/deposito del bilancio, si fa riferimento alla dichiarazione fiscale, ovvero a tutte le dichiarazioni LIPE delle operazioni attive dell’anno 2019 ovvero dalla dichiarazione IVA per le imprese agricole.

Plafond Ripresa Trentino BANCHE 2

  1. importo massimo erogabile dalla Banca pari ad Euro 25.000;
  2. durata Finanziamento 24 mesi; l’importo mutuato sarà rimborsato, in unica soluzione, alla scadenza del ventiquattresimo mese, fatta salva l’eventuale opzione di allungamento per una durata massima complessiva di 72 mesi, che può essere pattuita tra Banca e Operatore Economico già con il contratto iniziale di concessione del finanziamento;
  3. non sono previsti oneri di istruttoria/costi, ad esclusione degli oneri fiscali/ tributari;
  4. erogazione unica per l’intero importo concesso;
  5. tasso fisso annuo omnicomprensivo massimo 0,60%; gli interessi saranno corrisposti dalla Provincia, in via posticipata, entro il termine del 12^ e del 24^ mese dall’erogazione;
  6. Banche ed Operatore economico potranno pattuire una rateizzazione del rimborso secondo un piano di ammortamento decorrente dalla scadenza dei primi 24 mesi e con durata massima di 4 anni, ad un tasso annuo variabile non superiore ad Euribor 3 mesi maggiorato di uno spread massimo di 250 bps; il tasso finito non può essere comunque inferiore a zero;
  7. per queste linee di finanziamento non è previsto l’intervento di Confidi Trentino Imprese.

Plafond Ripresa Trentino BANCHE 2 BIS

  1. Linee di finanziamento deliberate ai sensi dell’art. 13, comma 1, lettera m), del D.L. n. 23/2020 (c.d. Decreto Liquidità);
  2. importo massimo erogabile dalla Banca pari ad Euro 25.000 e, comunque, non superiore al 25% del Fatturato come risultate dall’ultimo Bilancio approvato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata;
  3. durata Finanziamento fino a 72 mesi con rimborso del capitale non prima di 24 mesi dall’erogazione;
  4. tasso d’interesse: la Banca applica il tasso previsto ai sensi dell’art. 13, comma 1, lettera m), del D.L. n. 23/2020, fermo restando, per i primi 24 mesi, il tasso massimo dello 0,60%; gli interessi saranno corrisposti dalla Provincia, in via posticipata e fino a un massimo dello 0,60%, entro il termine del 12^ e del 24^ mese dall’erogazione;
  5. per queste linee di finanziamento è previsto l’intervento gratuito del Fondo Centrale di Garanzia con copertura al 100%;
  6. per queste linee di finanziamento non è previsto l’intervento di Confidi Trentino Imprese

Plafond Ripresa Trentino BANCHE 3

  1. importo minimo del Finanziamento pari a Euro 300.000 e massimo pari a Euro 1.250.000 e, comunque, non superiore 50% del Fatturato dell’esercizio 2019 così come risultante dal Bilancio regolarmente approvato[2]. L’importo massimo di Euro 1.250.000 comprende l’eventuale fabbisogno dichiarato dall’Operatore economico per anticipare, alla fine di ogni periodo di paga ai dipendenti aventi diritto, i trattamenti previsti dall’art. 19 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18, certificando tale esigenza tramite specifica dichiarazione resa ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445/2000;
  2. durata Finanziamento 24 mesi; l’importo mutuato sarà rimborsato, in unica soluzione, alla scadenza del ventiquattresimo mese, fatta salva l’eventuale opzione di allungamento per una durata massima complessiva di 72 mesi che può essere pattuita tra Banca e Operatore Economico già con il contratto iniziale di concessione del finanziamento; la rateizzazione potrà avvenire ad un tasso annuo variabile non superiore ad Euribor 3 mesi maggiorato di uno spread massimo di 200 bps; il tasso finito non potrà essere comunque inferiore a zero;
  3. oneri di istruttoria/costi: costo omnicomprensivo (comprese eventuali spese legali) non superiore ad Euro 2.500, ad esclusione di oneri fiscali/tributari;
  4. erogazione unica per l’intero importo concesso;
  5. tasso fisso annuo omnicomprensivo massimo 0,90%. Gli interessi saranno corrisposti dalla Provincia, in via posticipata, entro il termine del 12^ e del 24^ mese dall’erogazione nella misura massima dello 0,40% annuo;
  6. nessuna commissione per la Garanzia Confidi a carico dei Beneficiari.

[2] Qualora non risulti approvato il Bilancio 2019, si fa riferimento al Fatturato dell’esercizio 2018. Qualora l’operatore economico non sia tenuto all’approvazione/deposito del bilancio, si fa riferimento alla dichiarazione fiscale, ovvero a tutte le dichiarazioni LIPE delle operazioni attive dell’anno 2019 ovvero dalla dichiarazione IVA per le imprese agricole.

Plafond Ripresa Trentino FSTAA

Le principali caratteristiche dei finanziamenti (mini-bond, direct lending, ecc.) del Fondo Strategico del Trentino-Alto Adige, che potranno essere richiesti previa conferma circa disponibilità del relativo Plafond da parte di Finint, sono:

  1. importo minimo del Finanziamento pari a Euro 600.000 e massimo pari a Euro 1.500.000 e, comunque, non superiore al 50% del Fatturato dell’esercizio 2019 così come risultante dal Bilancio regolarmente approvato (Fatturato dell’esercizio 2018 qualora non risulti approvato il Bilancio 2019);
  2. durata 24 mesi; l’importo mutuato sarà rimborsato, in unica soluzione, alla scadenza del ventiquattresimo mese, fatta salva l’eventuale opzione di allungamento per una durata massima complessiva di 48 mesi, che può essere pattuita tra FSTAA e Operatore Economico già con il contratto iniziale di concessione del finanziamento;
  3. garanzie / tutele: rimesse alle intese tra le parti con possibile intervento dei Confidi sino all’80% a condizioni da concordare, tenendo anche conto della gratuità dell’intervento del Fondo Centrale di Garanzia per i termini indicati dalla Legge;
  4. oneri istruttoria/costi: costo omnicomprensivo (comprese eventuali spese legali) non superiore ad Euro 2.500, ad esclusione di oneri fiscali / tributari;
  5. oneri fiscali / tributari: opzione per imposta sostitutiva obbligatoria (pari allo 0,25% dell’importo erogato, da liquidare una tantum all’erogazione);
  6. erogazione unica per l’intero importo concesso;
  7. tasso fisso annuo omnicomprensivo massimo pari a 0,90%, interessi corrisposti in via posticipata, entro il termine del 12^ e del 24^ mese dall’erogazione;
  8. opzione di allungamento: FSTAA ed Operatore economico potranno concordare una rateizzazione del rimborso secondo un piano di ammortamento di massimo 2 anni (ovvero di 3 anni in caso di modifica della Durata del FSTAA) a condizioni da concordare; in tal caso, qualora il Fondo Centrale di Garanzia non operi a costo zero, Confidi e Beneficiario concorderanno la commissione per la garanzia da prestare.

DESTINAZIONE DELLE RISORSE DEL PLAFOND RIPRESA TRENTINO

Tutte le linee di finanziamento a valere sul Plafond Ripresa Trentino sono rese disponibili al fine di concorrere al fabbisogno di liquidità (relativo a costi del personale, investimenti e/o a capitale circolante) per l’emergenza COVID-19 e potranno essere attivate fino al 31 dicembre 2020.

Non è ammesso l’utilizzo della linea di finanziamento ottenuta ai sensi del Protocollo per estinguere linee di credito o mutui in essere prima del 1° marzo 2020, in quanto non riconducibili all’emergenza che il Protocollo intende fronteggiare.

Per monitorare il corretto utilizzo da parte dell’Operatore economico della linea di finanziamento concessa a valere sul Fondo Ripresa Trentino, le Banche provvedono ad accreditare l’intero importo su apposito conto dedicato senza oneri bancari (fatti salvi oneri fiscali/tributari), dal quale l’Operatore economico – sotto la propria responsabilità – potrà effettuare esclusivamente pagamenti relativi a costi del personale, investimenti e/o a capitale circolante.

Per ciascun Operatore economico è consentita la presentazione di una sola domanda.

Qualora nell’attivazione del Plafond Ripresa Trentino ricorrano i presupposti per operare nel perimetro delineato ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del D.L. n. 23 dell’8 aprile 2020 e s.m.i., Banche e Confidi collaboreranno al fine di promuovere l’intervento del Fondo Centrale di Garanzia PMI oltre la percentuale dell’80%.

CONTRIBUTI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

I Beneficiari delle linee di Finanziamento riceveranno un contributo annuo in conto interessi dalla Provincia, determinato in ragione dei 24 mesi di durata dei finanziamenti, che coprirà gli interessi passivi corrisposti dagli Operatori Economici alle Banche per un importo pari a:

  • Plafond Ripresa Trentino BANCHE 1: massimo 0,40% annuo, calcolato sull’importo mutuato (100% degli interessi passivi);
  • Plafond Ripresa Trentino BANCHE 2 e 2BIS: massimo 0,60% annuo, calcolato sull’importo mutuato (100% degli interessi passivi);
  • Plafond Ripresa Trentino BANCHE 3: massimo 0,40% annuo, calcolato sull’importo mutuato (gli oneri connessi alla quota residua degli interessi passivi resteranno in capo al Beneficiario);
  • Plafond Ripresa Trentino FSTAA: massimo 0,40% annuo, calcolato sull’importo mutuato (gli oneri connessi alla quota residua degli interessi passivi resteranno in capo al Beneficiario).

In ogni caso, il contributo in conto interessi della Provincia è limitato:

  • agli interessi effettivamente dovuti dall’Operatore Economico;
  • ai primi 24 mesi a decorrere dalla data di erogazione del finanziamento.

 

INTERVENTO DEL CONFIDI

Confidi Trentino Imprese, una volta completata positivamente l’istruttoria, si impegna a fornire la Garanzia a prima richiesta in misura pari all’80% del finanziamento concesso dalle Banche. A tali operazioni non sarà applicata alcuna commissione.

Ferma restando l’esclusione del rilascio di garanzie in favore delle imprese che presentano esposizioni classificate come “sofferenze”, una volta attivata l’operatività del Fondo Centrale di Garanzia PMI in relazione alle previsioni di cui all’art. 13 del DL n. 23/2000 (c.d. Decreto Liquidità), il Confidi si impegna a valutare il proprio intervento anche a favore degli operatori economici che presentino, alla data della richiesta, esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come “inadempienze probabili” o “scadute o sconfinanti deteriorate” ai sensi del paragrafo 2, Parte B della circolare n. 272 del 30 luglio 2008 della Banca d’Italia, purché la predetta classificazione non sia precedente alla data del 31 gennaio 2020, nonché ad altre situazioni specificatamente indicate nel citato art. 13 (imprese ammesse alla procedura del concordato con continuità aziendale di cui all’articolo 186-bis della Legge fallimentare, ecc.).

RIFERIMENTI PER APPROFONDIMENTI

Per maggiori dettagli si invita a consultare l’allegata Delibera n. 523 del 24 aprile 2020 in cui sono definiti i criteri per la concessione di contributi in conto interesse a favore degli operatori economici danneggiati dall’emergenza COVID-19.

Ulteriori informazioni, nonché l’elenco aggiornato degli Istituti di Credito aderenti al Protocollo d’Intesa, sono reperibili sul sito https://ripresatrentino.provincia.tn.it/

VEDI ANCHE:

Altri Articoli

2020-05-08T09:20:52+00:007 Maggio 2020|News|